Ultime News

martedì 10 febbraio 2015

Recensione 50 Sfumature Di Grigio


PREMESSA

La recensione che sto per proporvi oggi non riguarda un album nè un cantante. Ad essere precisi non riguarda la musica. Quest'articolo tratta di un libro. Di un "libro", delle sue 650 pagine di nulla e del mio tempo sprecato. Signore e signori, preparatevi, perché non una cattiveria, nemmeno una, verrà omessa nel recensire 50 sfumature di grigio!




Purtroppo sono caduto nella trappola anche io. Del resto, non potevo fare altrimenti. Questo libro è passato di bocca in bocca; è stato traghettato dalle parole di donne di tutte le età; è stato consigliato, regalato e, soprattutto, comprato. Si, perchè, ahimè, si tratta del secondo libro più venduto di sempre, secondo solamente a Harry Potter... un bel risultato senza dubbio, ma è un successo meritato?
"50 sfumature di grigio" fa parte di una trilogia che comprende le suddette sfumature, "50 sfumature di nero" e le stesse sfumature di rosso. Perchè ho iniziato a leggerlo? Per quale arcana ragione ho sporcato la mia cultura con le pagine di questo... "libro"? E' presto detto: Una mia amica. Sì... una mia amica che, a quanto pare, invece di rotolarsi sulla spiaggia, fare i castelli oppure combattere l'afa in acqua, ha preferito, come milioni di 50enni in menopausa, sedersi sotto l'ombrellone ed immergersi nella lettura di questo... ( mi sento in colpa a chiamarlo in questo modo) libro. Inutile dirlo, finita la colta lettura, gongolante nella sua soddisfazione, mi ha chiamato per consigliarmi la lettura di 50 sfumature di grigio di cui avevo già sentito parlare.

 Incuriosito e scevro da qualsiasi commento e recensione, le ho chiesto di prestarmelo. Renderò sempre grazie alla misteriosa forza arcana che mi ha impedito di svuotare il mio portafogli per questo evacuazione cartacea. Catturato dall'enorme curiosità alimentata anche dalle amiche di mia madre che lo hanno descritto come chissà che capolavoro letterario, mi sono seduto sul divano e ho iniziato a leggerlo. Voltate le prime centocinquanta pagine, ho iniziato a rendermi conto di quanto tempo stessi sprecando. Me ne sono bastate altre cento, se non meno, per chiuderlo definitivamente e restituirlo, con tanto di vaffa, alla mia amica. Pensate che duecentocinquanta pagine non siano sufficienti per avere un 'opinione completa ed equilibrata? In realtà ne occorrono molte di meno. Di cosa parla cinquanta sfumature di grigio? Ecco, è una domanda piuttosto difficile in realtà: la trama è sciatta scarna, inconsistente... o meglio inesistente, quindi più che dirvi che l'argomento principale sono le perversioni sessuali di un ricco ragazzo di 27 anni e della sua virginale compagna ventunenne non saprei cosa aggiungere, ma ci voglio provare, adoro le sfide! La narrazione si regge su una "storia di amore": due ragazzi che nel più improbabile dei modi si incontrano e rimangono colpiti l'uno dall'altra. 

Il tutto ci viene gentilmente raccontato in prima persona dalla personaggio principale, Anastasia, altrimenti detta Bella Swan parte due, la quale non manca occasione per sottolineare l'apocalittica sensazione che prova ogni volta che " l'adone dalla colossale erezione "( citazione testuale ) la guarda.
 Manco a dirlo, il nostro protagonista maschile, è il tipico bello e dannato, biondo, inspiegabilmente ricco a soli ventisette anni, dal carattere particolare, maniaco del controllo che, tanto per aggiungere un clichè in più alla lista, ha uno scheletro nell'armadio o due... anche tre o quattro, un cimitero praticamente.
 I nostri eroi si incontrano più volte in modi ancora meno probabili del primo, e l'attrazione si fa sempre più forte. Sorge però un problema: il nostro imprenditore bello e dannato ha dei gusti un po' particolari... praticamente è un dominatore sessuale che " non fa l'amore, ma fotte" ( anche questa, citazione testuale ), mentre lei, la nostra charlotte dei boschi, la nostra Bella seconda parte, non è mai stata toccata da un uomo, in nessuno modo. 
Nonostante questo piccolo intoppo che manda su tutte le furie Edward versione sadomaso in tutina nera di lattice, la ragazza decide di firmare il contratto con il quale dà il suo consenso a diventare la sottomessa. 
Inizia quindi da qui la serie di perversioni sessuali, posizioni atroci, metodi allucinanti, "possenti membri" e sniffate di peli pubici. E poi? Che altro? E poi niente... la trama è tutta qui. 

Chi ha letto il libro è rimasto senz'altro colpito dall'elemento "trasgressivo", ovvero la presenza di episodi erotici spinti ( era più spinta la mia gastroscopia, bah ), ciò che ha permesso di identificare il romanzo come "erotico". 
Be' se pensate che questo sia un romanzo erotico, permettetemi di dirvelo, non avete mai letto un libro. In questo aborto su carta stampata i termini vengono edulcorati, non c'è tensione sessuale, non osa mai sul serio. Si avvicina solamente al racconto erotico, e nel momento in cui dovrebbe rompere gli schemi, scivola in una censura priva di stile, che spezza del tutto la carica erotica. 
Da qui si defila già il pubblico su cui l'opera vuole fare leva: adolescenti in tempesta ormonale, ma ancora falsamente pudiche, e le cinquantenni in menopausa, deluse dalla loro vita sessuale ormai in rapida discesa. 
Il problema però sussiste: o scrivi un romanzo erotico come Cristo comanda ( be'...) oppure te ne rimani a lavorare in televisione, da brava, risparmiando la vita dei quei poveri alberi morti per questa offesa alla letteratura, per questo porno censurato. 
Di solito, nella letteratura che conta, la trama viene sacrificata in nome di una maggiore caratterizzazione dei personaggi, o magari per rafforzare lo stile. Neanche a dirlo, non è questo il caso: in questa storia manca tutto. In primis, proprio la storia, che si regge in piedi per miracolo, forse grazie alla colossale erezione di mister io non faccio l'amore io fotto senza pietà, poi l'elemento erotico, come già detto, che dovrebbe essere l'elemento di distinzione, poi ancora la caratterizzazione dei personaggi, e per ultimo, lo stile. 
Ma inutile parlarne, è meglio dimostrarvelo: La perversione di questo ragazzo- modello ( che poi, modello per chi? Offensiva nei confronti del suo stesso genere) deve avere un motivo, una ragione legata alla psiche del ragazzo, deve esserci un qualcosa, un trauma, un desiderio represso, una qualsiasi ragione che abbia fatto nascere in lui questa smania di potere, di controllo, sia in campo sessuale che in quello lavorativo. E ad esser sinceri, una ragione c'è. Certo, la scrittrice non si è minimamente avvicinata, nemmeno per sbaglio, ad un libro di Freud, questo va detto. La spiegazione che ha costruito con tanto sforzo intellettuale, è un insulto all'intelligenza dei lettori. Ma a ben pensarci, dato il successo, forse ha fatto la cosa migliore: inventarsi la cosa più stupida e meno probabile al mondo, per un pubblico di così bassa levatura intellettuale. Genio del marketing!

 Lo stesso discorso vale per la ragazza, la virginale Anastasia ( bah ) e per la sua "dea interiore". Sì perché l'autrice ha avuto la fantastica idea di far apparire, ogni tanto, questo lato nascosto della protagonista che, ad ogni penetrazione ( vedi E.L. James, è un termine scientifico, puoi usarlo senza scandalizzare sua maestà...lei ha altro per cui sconvolgersi, sta' tranquilla!) inizia a ballare la salsa, il merengue, il cha cha cha, la capojera e via dicendo. Idea ridicola e altrettanto inutile. 

E.L James
Questa ragazza, oltre ad amare i romanzi inglesi ( gli stessi che la signora James ha massacrato con questa schifezza) e a vestirsi come una casalinga sudamericana, non fa nient'altro.
 La sua vita ruota intorno ai libri e alla sua bellissima invidiata amica dai mille interessi, e basta! Magari una sottile linea di personalità è stata pure data a questi personaggi ( ma proprio sottile sottile ) ma manca la profondità: ogni loro frase, ogn desiderio intimo, ogni ansia o preoccupazione rimane in superficie, non viene esplorata, motivata, resta slegata e galleggia su quel denso strato di superficialità che riveste l'intero racconto.
 A parte la scarsa quasi inesistente profondità psicologica - emotiva dei personaggi e all'inconsistente trama, ciò che fa raccapricciare ( come se il resto non bastasse ) è lo stile adottato dalla scrittrice: un lessico scarso, povero, limitato, frasi banali, trite e ritrite, pessimi scarti dei peggiori drammi... un vero tripudio di schifo. Non c'è nessun'intensità, nessun trasporto emotivo. il suo periodare è piatto, approssimativo, a tratti imbarazzante: sembra quasi di spiare di nascosto le pagine del diario di una ragazzina di 14 anni. 
Leggendolo mi sono quasi vergognato per lei; ma come può un libro scritto in modo così atroce essere considerato un capolavoro e come dannazione può essere, RIMANERE, ai vertice delle classifiche di tutto il mondo?!?! E' l'equivalente letterario di un pezzo di Bieber! Poi, come se lo stile di questa, passatemi il termine ( e pure i sali ) autrice non fosse abbastanza raccapricciante ci si è messa anche la traduttrice, la signora Albanese. Io ho letto qualche passaggio in inglese perchè, procedendo con la lettura, mi sono reso conto che c'erano dei pezzi tradotti LETTERALMENTE! E' un fatto talmente lampante che mi ha procurato diverse convulsioni e non pochi conati di vomito. Veramente raccapricciante. Sei un'assassina della lingua, anzi delle lingue! Oltre a spurare l'italiano massacri anche l'inglese rendendolo in modo approssimavito, sciatto. Questo libro fa pena (No E.L. James, pena non è quella parte del corpo, è quello che ho provato per te quando ho letto questo aborto)! Ho odiato immensamente la lettura di questo gran capolavoro, mi ha fatto andare su tutte le furie per ben due volte: la prima quando l'ho letto e la seconda ora, riportando alla memoria lo schifo stampato su quelle pagine...Dio, ora so cosa intendeva Wordsworth quando parlava di "Emotion recollected in tranquillity" ...anche se la mia tranquillity è andata farsi "fottere", sì proprio da mister colossale erezione!

Se avete apprezzato questa recensione, vi invitiamo a farcelo sapere con un commento od un like ed a seguirci sulla nostra pagina Facebook per essere informati su tutte le ultime news.

21 commenti:

  1. Intenzionata a leggere questo libro per semplice curiosità, dopo questa recensione ho molti dubbi sull'utilità che mi comporterebbe.
    Ho letto altre recensioni e altri commenti sul libro e tranquillo, non sei l'unico a pensarla in questo modo.
    Un racconto leggero (molto) / copia di storie di alcuni vecchi fotoromanzi / utile se non sai minimamente cosa fare.
    Nonostante ciò, non si può escludere che una piccola curiosità nel leggerlo rimanga.
    Vedremo.
    Nel frattempo complimenti per la recensione che "scorre". Scrivere qualcosa che non sia noioso da leggere non è da tutti. Bravo.

    RispondiElimina
  2. Grazie molte per i tuoi complimenti, sono sempre graditi. Devo dire che il libro in questione, seppur sia brutto ( come ho già detto ) scorre e si fa leggere... è solo un piccolo punto a suo favore, una goccia di pura acqua in un oceano di merda, quindi qualora tu abbia bisogno di una lettura molto leggera e che ti sgombri il cervello da qualsiasi oppressione, questo fa al caso tuo, ma solo in quest'occasione. Ovviamente questo non lo salva dall'essere una ca***a colossale. Grazie per il commento e continua a seguirci!

    RispondiElimina
  3. io sono arrivata a metà terzo libro. Oh credimi, il primo non è minimamente paragonabile in schifezza a quello che viene dopo! Il secondo e il terzo sono agghiaccianti e raccapriccianti. Ho voluto andare fino in fondo alla storia perché la mia curiosità di vedere come potesse proseguire una storia d'"amore" (che poi amore non è, ma non diciamolo per carità alle ragazzine che sognano un mr grey tutto per loro!) come questa ha avuto la meglio sui miei conati di vomito: dico solo che i conati si sono trasformati in diarree fulminanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In verità non ho nessun' intenzione di perdere ulteriore tempo mettendomi a leggere i libri mancanti, però ho sentito dire da altre persone a parte te che i seguiti sono raccapriccianti, altro che conati di vomito ah ah ah!
      Grazie per il commento e continua a seguirci!

      Elimina
  4. hai totalmente ragione! se ti va passa a trovarci:
    http://www.facebook.com/pages/Frustrate-che-si-esaltano-per-50-sfumature-di-grigio-etc-patetiche/130678307076444

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senz'altro! Grazie per la pubblicità che mi state facendo :)

      Elimina
  5. Io mi sono rifiutata di leggere questo libro, come mi rifiuto di ascoltare Beiber: ho letto la sottospecie di trama,e anche varie frasi: e sono certa che il libro dia un'informazione sulla sessualità, completamente sbagliata. Prima di tutto: sembra che: essere vergini sia una malattia, una cosa sbagliata. Secondo: che ha di affascinante un uomo che ti sottomette?? Da un'idea completamente errata della donna, e dell'uomo. Dopo questo commento, vado a leggere Kafka!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella recensione purtroppo ho dimenticato di trattare un punto che mi sta particolarmente a cuore : questo libro oltre ad essere un inno alla mediocrità è incredibilmente sessita, e la cosa peggiore è che è scritto da una donna. Leggendolo mi è sembrato di vedere 40 anni di emancipazione femminile esplodermi davanti agli occhi!!
      Io per riprendermi dallo shock, una volta finito il libro, mi sono messo a leggere E.A.Poe... direi che Kafka va benissimo, l'importante è soprrimere il ricordo di questa merdata! Grazie per il commento e continua a seguirci!

      Elimina
  6. Io li ho letti tutti e tre in una settimana! Ovviamente ho saltato un sacco di pagine... A cominciare proprio da quelle di sesso che sono praticamente tutte uguali... Posso anche capire che se ne trovi "eccitante" una poi sono tutte identiche e noiose! Tra l'altro fa un po' ridere come finisce il primo libro: Ana ha acconsentito a tutto, fisting e divaricatori anali compresi, e poi si arrabbia per una sculacciata! E vogliamo parlare dei dialoghi?? "Sei mia" "Si sono tua"... E basta!! :D
    Io lo consiglio a chi vuole ridere un po', anche se credo che i vecchi romanzi Harmony siano molto meglio!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho detto: sembra un porno censurato. Questo non è parlare di sesso. Assolutamente d'accordo con te: la fine del libro è patetica, dopotutto doveva tenersi in linea con il resto del racconto.
      Ci sono dei romanzi rosa scritti decisamente meglio e con una trama strutturale decisamente più solida, ad esempio quelli di Harmony appunto, ma non son gli unici.
      Grazie per il commento e continua a seguirci!

      Elimina
  7. L'unica cosa che mi fa storcere un po' il naso è che il fatto che questo "libro" sia nato da una fanfiction giustifichi almeno in parte la sua bruttura. Non è la prima che fa questo ragionamento, tuttavia non credo sia molto corretto.
    Tralasciando questo, sono contenta di vedere che esistano persone che tengono da conto il proprio senso critico. Magari le tue parole sono mordaci, di sicuro schiette, ma il messaggio arriva e di sicuro tu sei riuscito a spiegare bene il tuo punto di vista e le tue motivazioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo di essere stato frainteso: il problema non è che venga da un fanfiction, forse il problema è che questa fanfiction si base su Twilight! E' riuscita a estrarre merda dalla merda. Già di suo Twilight non brilla per trama stile e caratterizzazione psicologica ( seppur tutto sommato risulti leggibile) se poi una NON - scrittrice, decide di partire da questa base per farci un romanzo soft porno è ovvio che ne esca una colossale cagata!
      Il mio modo di scrivere rispecchia la mia personalità, non ho remore nel dire quello che penso e non mi faccio troppi scrupoli nell'usare vocaboli scurrili ( anche se so che dovrei evitare ). Ti ringrazio per i complimenti e per il commento. Continua a seguirci!

      Elimina
  8. Oh, finalmente una recensione come piace a me: schietta, severa e senza remore!
    a prescindere non avrei mai comprato o letto un libro del genere, abituato ad una cultura di grandi classici, però il fatto che venga tacciato come il "caso" letterario del decennio (al pari di HP) ha fatto vacillare anche me al punto da persuadermi a spendere quei 16-20 euro! Grazie a te ho ritrovato il senno
    spero continuerai a recensire, complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie veramente tantissimo per i tuoi complimenti. Adoro anche gli aggettivi che hai usato per descrivere la mia recensione, trovo si addicano molto alla mia personalità.
      Quant al libro e al modo in cui è stato accolto dal pubblico, credo ci sia solo da vergognarsi. L'epoca in cui stiamo vivendo dal punto di vista culturale sta subendo gravi colpi e non ho ancora ben chiaro chi sia l'artefice di questo degrado sociale - culturale.
      Mi fa piacere che la mia opinione ti sia servita per un "moment of being".
      Se hai dei libri ( brutti, sia chiaro ) da farmi conoscere affinchè possa recensirli fammelo sapere. Grazie ancora per i complimenti, per il commento e continua a seguirci!

      Elimina
  9. Recensione fantastica! Avrei voglia di leggere quel libro solamente per poterne evidenziare come te tutte le brutture e le cose che lo rendono una schifezza, ma ho fatto una promessa a me stessa, cioè che non lo leggerò mai, quindi mi limito a leggerne commenti.
    La prima volta che l'ho visto in libreria, senza ancora sapere della sua esistenza, con tanto di cartello "il libro che ha fatto innamorare etcetc " (o qualcosa del genere) ho pensato di darci un'occhiata. Prendo il libro in mano e apro ad una pagina a caso: "lui mi lecca i capezzoli e gemo" (sempre qualcosa del genere, non mi sono soffermata troppo). Penso: sarà una coincidenza e apro un'altra pagina a caso: "Ora voglio farti venire veloce! - sì- sì cosa?-sì signore". E così via. Non ho trovato una SOLA riga che non parlasse di sesso.

    Comunque secondo offendere la scrittrice o il libro non ha molto significato, libri di merda ne esistono a valangate, secondo me il vero problema è il pubblico. L'interrogativo che continuo a pormi è COME questo libro sia giunto a una così grande diffusione e come ha fatto ad avere tutte queste vendite? Se l'autrice fosse l'unica da biasimare sarei molto contenta perchè vorrebbe dire che c'è una sola persona leggera e stupida, ma il problema è che di persone come lei ce ne sono milioni, ovvero i suoi fan.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *secondo me *abbia fatto

      Elimina
  10. Però devo ammettere che anche recensioni così negative fanno venire la curiosità .-. Mi scoccia restare ignorante, pur trattandosi di non conoscere, a quanto pare, quanto merdoso sia questo "libro" XD
    Anche perché alla fin fine è impossibile esprimere un'opinione su qualcosa che non si conosce, lo trovo stupido. Ovviamente se mai dovessi leggerlo, non sarà per una copia acquistata da me... mi fa specie che sia il... "secondo" libro più venduto di... SEMPRE?? o_O Questo sì che mi sconvolge, pur non avendolo letto, considerati i contenuti, mi stupisce non poco.

    RispondiElimina
  11. Bè, che dire? Non ho mai letto Ramses, perchè il mio professore di lettere dell'epoca diceva che era banale, non ho mai letto Twilight, non ho mai letto nemmeno i vari codici da Vinci e sicuramnte non leggerò queste 50 sfumature di cazzo.... però le recensioni di chi LEGGE,sono tutte le stesse... mi smbra di averlo letto.... i classici, quelli di chi sa scrivere, tu citi Austen e le Bronte (sono in corso di lettura di cime tempestose) vengono dietro a queste CACATE? Che schifo!! Che società di merda!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooo, Ramses è bellissimo! Corri e rimedia! :D

      Elimina
  12. Lo dico da uomo...una vaccata!!
    La curiosità mi è nata da quando me ne ha parlato la mia ragazza...dicendo che lo sta leggendo una sua amica...
    X fortuna l'ho convinta a non acquistarlo, ma farselo prestare...Adesso attendo quasi con ansia il "responso"..gli ho già spiegato chiaramente come la penso...e se davvero le piacerà mi preoccuperò seriamente sulla qualità del nostro "copulare"...
    Una schifezza, io non capisco neppure quelli che dicono "ma leggi prima di commentare"...gente, non ho mai guardato il grande fratello, ma xk si capisce il livello di contenuti...e qui è uguale...se una cosa la ripudio, non è da infantili...è semplicemente da snob, e in questo caso mi vanto di essere tale!!!
    Erotico?!?io lo trovo comico!!!questo è erotico solo se non tu 6 mai guardato un porno e hai letto al massimo famiglia cristiana....
    Ah, ho sbirciato qualche frase.......Trash, patetico..."tamarro"......
    Confido nella cultura "universitaria" della mia beneamata;)

    RispondiElimina
  13. Ho letto qualche estratto e la penso come te in ogni dettaglio... grazie per questa dettagliata recensione che aiuta certamente a mettere a fuoco il perché del senso di viscerale fastidio e irritazione che ogni persona con un minimo di consapevolezza di cos'è dell'erotismo scritto bene prova quando posa gli occhi su queste sciatte pagine. Chapeau

    RispondiElimina