Ultime News

sabato 24 agosto 2013

Le Vendite ufficiali di Katy Perry negli U.S.A


Dopo Lady Gaga Billboard ha fatto il punto anche sulle vendite di Katy Perry, anch'essa lanciata nel 2008 con 2 album pubblicati più una riedizione.


Ad una prima occhiata si nota subito come il punto forte della Perry siano i singoli. Le canzoni super orecchiabili e altamente contagiose di Katy hanno venduto milioni e milioni di singoli. Nessuno oltre a Rihanna, è riuscito a tenere il suo passo negli ultimi anni. Ricordiamo infatti che la Perry ha ottenuto ben 6 n.1 single di cui ben 5 dall'album Teenage Dream.
6 singoli sono andati oltre i 4 milioni e tutti quelli ufficiali hanno ottenuto la certificazione di platino.
La canzone più famosa e di successo della Perry si conferma Firework, uno dei suoi singoli migliori.
In fondo alla classifica, proprio come per Gaga, troviamo una track che ha venduto nonostante non fosse mai stata lanciata, la simpatica Peacock.


Katy Perry: Digital Songs
6,341,000, “Firework”
5,606,000, “E.T.” (feat. Kanye West)
5,542,000, “California Gurls” (feat. Snoop Dogg)
5,414,000, “Hot N Cold”
4,573,000, “Teenage Dream”
4,444,000, “I Kissed a Girl”
3,470,000, “Last Friday Night (T.G.I.F.)”
3,074,000, “Wide Awake”
2,662,000, “Part of Me”
2,617,000, “The One That Got Away”
2,211,000, “Waking Up in Vegas”
1,079,000, “Thinking of You”
643,000, “Peacock”

Il punto debole, se così si può definire, di Katy Perry sono le vendite degli album, non ai livelli dei singoli.  Il suo album di maggior successo Teenage Dream è poco al di sotto dei 3 milioni mentre il primo, One Of The Boys, è fermo ad 1 milione e mezzo.

Katy Perry: Albums

2,749,000, “Teenage Dream” (2010)
1,529,000, “One of the Boys” (2008)
55,000, “MTV Unplugged” (EP) (2009)

In totale:

49,897,000 singoli venduti (3 mln in più di Lady Gaga)
4,333,000 album venduti (poco meno della metà rispetto a Lady Gaga).

Non stupisce quindi la vittoria stracciante di Roar rispetto ad Applause mentre si prevede la situazione inversa per quanto riguarda gli album Prism e ARTPOP.

Nessun commento:

Posta un commento