Ultime News

domenica 19 gennaio 2014

Povia e Fiorella Mannoia: E' guerra su Facebbok!


Il web in questi ultimi due giorni si è scaldato molto per una lite in lontananza scoppiata tra due famosi cantanti italiani. Il primo è Povia mentre la seconda è Fiorella Mannoia. L'argomento è molto delicato: le adozioni per i genitori gay.


Il tutto è scaturito da un post provocatorio di Povia ha subito tirato sù un polverone tra i vari social network:

Prima di morire ti chiedono a chi vuoi lasciare il tuo bambino: coppia gay, coppia etero o casa famiglia.
La coppia gay e la coppia etero sono entrambe equilibrate e la casa famiglia piena di persone preparate. Devi solo scegliere.
Dimmi, stai per morire, a chi lasci il tuo bambino per tutta la vita?
Qualunque risposta darai, vedrai che il coglione non sono io.

Se dovessi scegliere non sceglierei una coppia gay, mai. O etero, o casa famiglia. Le coppie “strane” non vengono neanche prese in considerazione per l’adozione. Bisogna poi vedere cosa intendi per “strano” perchè qui di strani ce ne sono tanti;

A prendere le difese della controparte ci ha pensato Fiorella Mannoia che ha dapprima citato l'accaduto per poi scrivere un lungo post

Non faccio il nome perché non voglio ritrovarmi in un’altra polemica inutile, quello che mi interessa é questa testimonianza che fará scaturire riflessioni, spero civili.

Allora…ammettiamo che un bambino crescesse in una casa con due mamme o due papá, ammettiamo che quelle due persone siano due bravi genitori, e che il bambino non avendo parametri esterni stia crescendo felice e sereno. Dove nasce il problema?Nascerá quando sará fuori dalla protezione della casa, quando si rapporterá con gli altri. Ma se fuori da quella casa la gente si comportasse in maniera normale, se i compagni di scuola, figli di coppie tradizionali in casa loro sentissero parole di rispetto e non di scherno verso le diversitá, se certa politica smettesse questo gioco pericoloso di mettere i cittadini gli uni contro gli altri e si mettessero in mente che governare é una cosa seria e non un’arena dove vomitare le proprie frustazioni e i propri intrallazzi. Queste “diversitá” smetterebbero di essere tali. É la mentalitá della gente che deve cambiare. In molti paesi d’Europa nessuno si stupisce piú se una coppia gay cresce un figlio, anche i Brasile, che fino a ieri era considerato terzo mondo oggi hanno una legge che stabilisce che una coppia gay possa adottare, e qualcuna mi é capitata di incontrarla, vi assicuro che quei bambini sono come tutti gli altri. Ho letto dei commenti terribili dai quali trasudava astio, pregiudizio, odio, ma soprattutto una grande ignoranza. Eppure non sarebbe poi cosí difficile vivere in pace, é sicuramente meno faticoso. Essere gay é un’invenzione della societá che deve etichettare e incasellare tutto, per controllare meglio. I gay non esistono, esistono gli esseri umani. Sant’Agostino diceva: Ama e fai quel che vuoi. Ma per molti rimarranno…parole al vento.

Nessun commento:

Posta un commento