Ultime News

sabato 7 febbraio 2015

Ecco cosa farebbe Manuel Cardella "Se finisse il mondo". La nostra intervista


Oggi abbiamo il piacere di intervistare Manuel Cardella, un cantante e fenomeno web nella scena musicale ormai già da diversi anni che ha sfornato tanti singoli di successo, ha vinto tra l'altro anche l'Oscar Europeo dei Giovani e oggi ci presenterà il suo ultimo singolo "Se finisse il mondo" e ci racconterà il suo percorso artistico.

Benvenuto Manuel ! Prima di farti una serie di domande sul tuo percorso musicale, partiamo subito dal tuo nuovo singolo uscito verso la fine di Dicembre "Se finisse il mondo".
Com'è nato questo brano ? E' una dichiarazione d'amore verso qualcuno in particolare ?


Ciao a tutti ! :)
L'ultimo singolo che ho pubblicato, forse è il più importante per me tra tutti i miei lavori.

Mi trovavo in aereo e stavo andando in Sicilia, per la promozione del mio penultimo brano "Ora".
Presi il Mac e iniziai a scrivere dei pensieri, sciolti, senza avere intenzione di scrivere una nuova canzone. Rileggendoli mi resi conto che erano tutti legati da un unico filo conduttore: "Se finisse il mondo, verrei a cercarti"… Appena atterrato in Sicilia, scrissi la musica. Pianoforte e voce. Tornai a Roma con un nuovo brano, come dicevo prima, forse il più importante, perché sono consapevole di ogni parola scritta, e di ogni nota suonata. È proprio come lo avevo immaginato, come speravo venisse. L'amore vero


Nel tuo singolo canti "L'amore alla fine vince sempre il bene", di solito ci si aspetterebbe di più una frase del tipo l'amore vince il male o cose del genere e invece tu lanci questa frase che ha un significato più profondo, che messaggio volevi dare ?

"Dopo tutto questo farci male, l'amore è più forte e alla fine vince sempre il bene".
Credo che l'amore vero, sia più forte di ogni dolore, di ogni ostacolo o preoccupazione. Attraverso l'amore si può risolvere ogni problema e può essere proprio l'amore la risposta alle nostra paure quotidiane e a tutti i nostri perché. L'amore è più forte di tutto. L'odio è per i deboli.

- Se ti dicessero che il mondo finisse veramente domani (speriamo di no XD) quali sarebbe le ultime cose che faresti ?

Starei con la persona che amo, con la mia famiglia e con le pochissime persone che fanno parte davvero ogni giorno della mia vita. Facciamo parte di un mondo fatto di comparse e maschere, dove in pochi si meritano davvero un posto fisso, importante nella nostra vita. Il cuore è grande come un pugno e non ci stanno in molti.

Manuel, tu sei stato forse uno dei primissimi fenomeni web italiani perché sei stato il primo in Italia che ha fatto conoscere la tua musica attraverso youtube da indipendente. Com'è nata questa idea ? Pensi che Internet oggi sia più un ostacolo o un aiuto alla musica italiana ?

È successo tutto all'improvviso. Ho pubblicato dei miei brani su Youtube e hanno riscosso un buon successo sulla rete. Credo che Internet dia la possibilità a giovani artisti emergenti di pubblicare i loro lavori, quindi da questo lato credo sia una cosa molto bella e importante, da sfruttare al meglio, per far conoscere al pubblico il proprio lavoro. Al contrario però il Web da la possibilità di scaricare musica illegalmente e questo ovviamente danneggia chi lavoro giorno e notte, mesi, anni, su dei progetti e poi vede il suo lavoro scaricato gratuitamente grazie a tutte le piattaforme che permettono, di scaricare musica e non solo illegalmente. Questo danneggia l'arte in generale. Non credo sia giusto. Ma è un fenomeno talmente comune e ormai avviato che ci conviviamo senza pensare più di tanto che sia una cosa sbagliata. Credo che comunque che le perone più affezionate ad ogni artista, acquistino il loro lavoro, per permettere all'artista di vivere di musica e continuare a produrre cose nuove. La musica è la cosa più bella del mondo e va rispettata.

Sicuramente il tuo brano di maggior successo e che ti ha fatto conoscere al pubblico è stato "Potrei morire di te" che vanta oltre 3.000.000 di visualizzazioni, un record per uno come te così giovane che non ha ancora raggiunto la notorietà dei grandi big della musica italiana. Che ricordo hai di quel brano ? A distanza di anni lo senti ancora tuo o più distante rispetto ai tuoi ultimi lavori ?

Ho un bel ricordo. Posso dire che è cominciato tutto da li. Avevo pubblicato altri brani ma questo mi ha permesse di cominciare a girare l'Italia, facendo molte date, incontrando così le persone che mi hanno sostenuto sin dal giorno 1. Lo sentirò sempre un brano mio, per me è stato importante incominciare la mia avventura musicale proprio con quel brano.


In "Potrei morire di te" duetti con Beatrice Valente, un'attrice che si è fatta conoscere al grande pubblico in diversi film di successo come "Scusa ma ti chiamo amore" di Federico Moccia e altri. Come mai hai preferito scegliere un'attrice piuttosto che una cantante professionista per il tuo singolo ? Siete ancora rimasti in contatto ?

Avevo avuto come idea quella di fare un video particolare. Dove all'interno dello stesso ci fossero dei dialoghi e una storia che viaggiava parallela con il brano. Essendo amici da molti anni, e visto che lei aveva già debuttato al Cinema, scelsi lei, perché ero sicuro che ci saremmo aiutati e divertiti tantissimo durante le registrazioni. E così è stato.


Quest'estate è uscito il tuo singolo "Ora" che è andato anche molto bene, in cui canti anche in spagnolo con grande sorpresa dei tuoi fans. Potrebbe essere che in futuro tu faccia uscire qualche singolo totalmente in lingua straniera ?

Il singolo è andato molto bene e per me e il mio Team è stata una scommessa. Fare un brano in Italiano e in Spagnolo per me era una novità anche se mi ero già cimentato in alcune cover in lingua spagnola, prima di realizzare il mio inedito. Essendo la mia seconda lingua, in futuro sicuramente presenterò dei miei lavori interamente cantati in spagnolo.


Il festival di Sanremo è una meta ambita da tutti i musicisti. Ti piacerebbe anche a te salire su quel palco un giorno ?

Certo che mi piacerebbe :) Ma bisogna presentarsi ad un appuntamento così importante quando si è pronti. Ho lavorato tanto e sto continuando a farlo ogni giorno. Prima o poi magari…:)


Come ti trovi a lavorare con il tuo attuale team "Cantieri Musicali" ? (un team produttori che hanno lavorato con artisti del calibro di Marco Mengoni, Giorgia, Alex Baroni ecc.)

Mi trovo benissimo, lavoriamo tanto ogni giorno e stiamo preparando delle cose bellissime. Sono cresciuto con la loro musica e con i loro artisti, li ho sempre ammirati e stimati tantissimo, quindi per me è un onore far parte di questo Team.
Quali cantanti stimi del panorama musicale italiano ?

Mi piacciono diversi artisti, ma due su tutti, Tiziano Ferro e Nesli. Mi piacciono i loro testi e la loro scrittura musicale. Sono quelli che ascolto di più.
Stai già lavorando per l'uscita di un album che contenga tutti i tuoi singoli ?

Si, stiamo facendo un lavoro di ricerca e di composizione. Voglio che il mio disco mi rappresenti al massimo e che sia coerente con la mia persona, prima che con il Manuel "artista". Quindi c'è solo da lavorare tanto :)

Dove possiamo trovare tutti gli aggiornamenti delle tue date live ed eventi ?

Sulla mia pagina Facebook, Instagram e Twitter che aggiorniamo quotidianamente insieme al mio Staff. Li troverete tutte le novità.
Siamo giunti alla fine e ti lascio completamente carta bianca, in questo spazio puoi dire tutto quello che vuoi :)

Voglio ringraziare tutte le persone che credono in me, chi lavora con me ogni giorno, chi mi ama senza chiedere niente in cambio, perché già sanno che li amo anche io. Il Prof. De Paolis, che mi ha salvato la vita.
Ringrazio voi per l'intervista e in ultimo ma non per ultimi tutti quelli che mi odiano e che hanno cercato di affossarmi in mille situazioni. Sono ancora qui e ci resto, anche perché è solo l'inizio! :)


Ringraziamo Manuel Cardella per la sua disponibilità e gli auguriamo di continuare a vivere della sua passione più grande: la musica !




Nessun commento:

Posta un commento