Ultime News

lunedì 9 novembre 2015

Recensione: Simili - Il nuovo album di Laura Pausini



Finalmente è uscito il nuovo album di inediti firmato Laura Pausini: "Simili".
Personalmente lo ritengo l'album meglio riuscito di quest'ultima, con sound differenti dai lavori
precedenti. In quest'album hanno collaborato grandi artisti come Biagio Antonacci, Jovanotti, Giuliano Sangiorni, L'Aura e Tony Maiello. Inoltre per questo progetto, Laura ha voluto girare un videoclip per tutti i brani (15). Una sorta di BEYONCE' 2.0
 



Il disco si apre con la ballad scritta dal grande Biagio, Lato Destro del Cuore. Questo brano è stato scelto come lead-single dell'album, scelta molto particolare data la profondità del testo, ma come dice Laura: "Una volta che arriva non se ne va più". 



Simili è la seconda traccia dell'album, canzone che farà da sigla per la nuova serie di Braccialetti Rossi. Nel videoclip, infatti, si vedono i protagonisti della serie correre in un labirinto per poi ritrovarsi in un cerchio. L'arrangiamento musicale è curato da E. Roberts e N. Agliardi, mentre il testo è stato assimilato dalla stessa Laura e Agliardi. Simili è la traccia da cui prende il nome l'album. Questo concept è nato durante alcune brighe burocratiche. Infatti Laura era all'ambasciata Americana (con sede a Roma) per poter firmare delle carte, così da poter lavorare in America (La Banda/ La Voz). L'idea le sarebbe arrivata al momento in cui va impressa la impronta digitale. Simili ma diverse. 




200 note è il terzo brano del disco, scritto da A. Maiello, colui che vinse a Sanremo Giovani. Maiello tenne questo pezzo da parte per 5 anni, aspettando qualche buona novella, che (ovviamente) è arrivata. Non si può definire un brano; questo è IL capolavoro. 200 Note comincia con un' introduzione di archi, per poi "subire" la voce della Pausini che entra nella canzone, accompagnata dal pianoforte. Davvero Il Capolavoro.


Innamorata è un raggaeton scritto da Jovanotti. Si sa, con Jovanotti possono nascere o capolavori, o flop totali. Beh, Laura è stata fortunata, Innamorata è un gran bel pezzo, con videoclip molto colorato e divertente (per ciò che ho potuto vedere nelle anteprime del DVD contenuto nella deluxe edition).





Chiedilo al Cielo è stato scritto da Agliardi, insieme a Laura, mentre l'arrangiamento dal suo compagno Paolo Carta. Quì troviamo una Laura aggressiva che comincia il brano quasi sussurrando, accompagnata dal pianoforte, per poi esplodere durante il ritornello, urlando, quasi disperata: "Chiedilo al cielo, forse ce lo dirà, cosa succede contro la volontà". Anche nel videoclip troviamo una Laura in uno stile molto "rock", in sella ad una motocicletta, con capelli ricci, frange, giubotto in pelle e tacchi aggressive.



Con Ho Creduto a Me, ritroviamo una Laura più intima e profonda, dove si racconta completamente. A quanto pare Agliardi è uno degli autori che capisce meglio l'universo interno della Pausini. Nel video troviamo una Laura in una vasca da bagno, inquadrata con un primo piano e trucco minimal, insieme ad un'altra scena dove la troviamo appoggiata a degli specchi, con capelli acconciati.


Il testo di Nella Porta Accanto è stato scritto interamente da +Laura Pausini, e racconta una storia vera, raccontata a Laura da una fan,  via Facebook. "Nel videoclip potete vedere quanto questa storia sia vera" dice Laura durante una Q&A su Twitter. Che dire, una Laura old-school affamata di fragole (voglie della gravidanza?), che ci piace.




Il Nostro Amore Quotidiano è una ballad dedicata al suo compagno Paolo Carta, dove vengono riportate delle parole dette (probabilmente) al loro primo appuntamento. La canzone prosegue per molto tempo lentamente, quasi per assaporare quei sentimenti espressi nel testo. Il brano è un inno al loro amore, infatti verso la fine dopo la strofa: "Niente è meglio di così" si sentono gli archi celebrare l'amore. Nel videoclip si alternano scene di una coppia omosessuale a una Laura in bianco e nero, tra tende e salotto di casa. Insieme alla canzone dedicata a Paola, probabilmente, è una delle più intime di tutta la sua carriera.





Tornerò (con calma si vedrà) è un altro pezzo scritto da Biagio, che riporta ai ritmi sudamericani tanto amati da Laura stessa. Le prime volte, ad essere sinceri, non mi entusiasmava molto (come Lato Destro del Cuore d'altronde), ma, come ogni canzone di Biagio, una volta entrata in testa non ne esce più (provare per credere). Quì, però mi viene un dubbio. Non è che la nostra amata Laura deciderà dopo il Simili Tour di ritirarsi? Infatti nel brano, Laura canta: "Ho capito davvero che il tempo ha valore, e che niente e nessuno, lo restituirà [...] Il lavoro mi piace, ma al momento mi dice vai fino a dove non sei stata mai". In effetti Paola dovrebbe cominciare anche ad andare alla scuola Materna, e (almeno secondo me) Laura annuncerà una pausa (più o meno breve) dalle scene, per appunto godersi il tempo (che nessuno restituirà).





Colpevole è una canzone pop-rock classica nel suo repertorio. Una delle mie canzoni preferite di tutto l'album (causa vicende personali). In questa canzone Laura si toglie qualche sassolino dalla scarpa dicendo: "Perdonati, se ce la fai, tu che l'amore non l'hai dato mai". Frase dedicata al suo ex-storico? Chi lo sa, fatto sta che ognuno troverà il significato opportuno a questa canzone, e la propria dedica.


Attenzione, attenzione. In Io c'ero (+ amore x perfavore) si scopre una Laura totalmente nuova, mai vista prima. Avete presente il famigerato "drop" che tutti noi giovani ci aspettiamo di sentire in molte canzoni? Beh, ora quel "drop" ce l'ha anche la Pausini! Non mi credete? Provate ad ascoltare! Devo dire che questa Laura dance mi piace davvero tanto, non vedo l'ora di sentire questa canzone a S.Siro il 4 giugno.

Ascoltata? Bene, ora torniamo un po' alla calma. Sono Solo Nuvole è un brano firmato Giuliano Sangiorgi (e si sente!). La canzone si apre con un duo tra archi e pianoforte. Una canzone super delicata e rilassante, perfetta da ascoltare mentre si legge un bel libro o mentre si studia. Il tocco delicato del Sangiorgi si sente per tutta la durata della canzone. Un altro capolavoro da aggiungere all'intera carriera di Laura. Nel video Laura indossa un abito bianco, sia mentre dondola sull'altalena appesa alla nuvola, sia mentre accenna qualche passo di danza classica.



Eccoci giunti alle ultime 3 traccie, Per la Musica rappresenta benissimo il legame tra Laura e i suo fans, celebrando la bellezza della musica (di tutti i generi). Vari pezzi del brano infatti, sono stati registrati direttamente dai "pausiniani" membri del fan club ufficiale . Nel video vediamo appunto, i vari fan che suonano e cantano, mentre Laura si riprende a cantare da un iPhone (Molto in stile 7/11). 



Lo Sapevi Prima Tu
 è un brano dedicato a suo padre, Fabrizio Pausini, In questo brano Laura ripercorre la sua infanzia insieme al padre, raccontando le sue "strategie" per attirare la sua attenzione. Quì Laura parla da donna cresciuta, che dopo molti anni da ragione al padre dicendo "Lo sapevi prima tu". Nel videoclip ci sono Laura insieme a suo padre in una stanza tappezzata da foto scattate in un ambiente familiare. Brano molto commovente.



E' a Lei che devo l' Amore è la canzone dedicata alla sua figlioletta Paola. Una probabile ninna nanna per quest'ultima (ad avercela la Pausini che ti scrive canzoni solo per te!). Accompagnamento esclusivamente suonato da Paolo con una chitarra acustica. Laura canta sempre con voce delicata, come se stesse sussurrando, come solo una madre sa fare.


Alla fine della recensione, tutti possiamo constatare che Simili merita un bel 10 e lode! Adesso non mi resta che aspettare il 4 giugno!




































Nessun commento:

Posta un commento